La Massaia Pazza, 30 giugno 2011

“In realtà nessun essere umano indifferente al cibo è degno di fiducia” (M.V. Montalbàn)

C’è chi mi chiama massaia, c’è chi mi chiama signora. Io preferisco soltanto essere me stessa. Racchiudo i piccoli segreti delle arti del quotidiano, piccole ricette tradizionali, gemme per la Pasqua più colorata o per il Natale più accogliente, per un benvenuto alla primavera e per un riparo caldo contro i geloni invernali. Non sono in un solo posto, sono soltanto nella creatività di ognuno. Sono pazza perché non controllabile. Perché tingo di colore quella parte di vita che sembra sobria e un po’ stantia, ma che con un solo tocco puoi tramutare in arcobaleno. Sono nell’accoglienza calda di un uscio e nel rumore del ferro che batte. Sono nelle stagioni, nelle festa comandate e, ancora di più, in quelle che non lo sono. Sono nei bambini e li prenderò per mano, sono negli adulti. Sono pure gli adulti. Sono una massaia, ma non è detto che sia donna. Forse sono soltanto uno stereotipo, creato per tenere nascosta la sorpresa del mio vulcanico pensare. Benvenuti a tutti nella mia cucina, benvenuti nei miei spazi, benvenuti nel mio mondo. Che, a partire da oggi, è anche il vostro.
________________________________________________

La canicola non ci fermerà! Alle prese col gran caldo, non abbiamo rinunciato alla buona tavola, unica eccezione questa settimana, un piatto che si può gustare anche freddo, da preparare volendo anche qualche ora prima, per non perderci il piacere di un bel piatto di pasta e non cedere ad una banale insalata di riso.
Su, forza, tutti ai fornelli!

Ricetta della settimana
PASTA CON POMODORINI E CACIORICOTTA
Ingredienti: 500 gr di penne rigate, 150gr di cacio ricotta, pomodorini, aglio, qualche foglia di basilico.
Mettete l’olio in una padella con l’aglio, lasciatelo scaldare, ma, non lo fate soffriggere,
appena l’olio sarà caldo, spegnete la fiamma, e, aggiungete il cacio ricotta grattugiato.
Rimettete la padella sul fuoco e lasciate sciogliere il cacioricotta a fiamma non troppo alta. Aggiungete i pomodorini tagliati a cubetti e precedentemente conditi con olio, sale e basilico. Scolate le penne e conditele.

Che ne dite di una bella cena all’aperto? E di un abito bianco che fa tanto estate? Belle idee vero? Ma cosa le accomuna? L’accessorio! Si si, prpprio lui, l’immancabile dettaglio. Questa settimana per voi, le nostre stelle marine in cartapesta, semplici e multiuso, dal segnaposto, alla collana, fino all’orecchino per chi se la sente di osare.
STELLE MARINE IN CARTAPESTA
Bello, ma come si fa?
Occorrente: Acqua, colla vinilica, carta di quotidiano, colori acrilici, lucido per finitura.
Mescolate acqua e colla vinilica, strappate i fogli di quotidiano in piccoli pezzi e lasciateli a mollo in acqua e colla per almeno 30 minuti. A questo punto, strizzate la carta per liberarla dall’acqua in eccesso, e con questa poltiglia create dei salsicciotti che andranno a formare le vostre stelle marine da dipingere e lucidare nel colore che più vi piace.

La Massaia nella sua libreria ha aggiunto: Esther Martel, Piera Nocentini, Arredare con la cartapesta, Fabbri 2010

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Macondo – La città dei libri

Che giorno è?

giugno: 2011
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

Palloni di carta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: