La Massaia pazza – 31 marzo 2011

“In realtà nessun essere umano indifferente al cibo è degno di fiducia” (M.V. Montalbàn)

C’è chi mi chiama massaia, c’è chi mi chiama signora. Io preferisco soltanto essere me stessa. Racchiudo i piccoli segreti delle arti del quotidiano, piccole ricette tradizionali, gemme per la Pasqua più colorata o per il Natale più accogliente, per un benvenuto alla primavera e per un riparo caldo contro i geloni invernali. Non sono in un solo posto, sono soltanto nella creatività di ognuno. Sono pazza perché non controllabile. Perché tingo di colore quella parte di vita che sembra sobria e un po’ stantia, ma che con un solo tocco puoi tramutare in arcobaleno. Sono nell’accoglienza calda di un uscio e nel rumore del ferro che batte. Sono nelle stagioni, nelle festa comandate e, ancora di più, in quelle che non lo sono. Sono nei bambini e li prenderò per mano, sono negli adulti. Sono pure gli adulti. Sono una massaia, ma non è detto che sia donna. Forse sono soltanto uno stereotipo, creato per tenere nascosta la sorpresa del mio vulcanico pensare. Benvenuti a tutti nella mia cucina, benvenuti nei miei spazi, benvenuti nel mio mondo. Che, a partire da oggi, è anche il vostro.
________________________________________________

Ricetta della settimana
I TARALLI COL NASPRO
Ingredienti: 1kg di farina 00- 10 uova- 200gr di olio d’oliva (200 gr)

Ph: R.P. (St)

Mettete la farina a fontana sulla spianatoia, aggiungete le uova e l’olio,impastate finchè l’impasto non diventa gonfio e liscio, lasciate riposare 15 minuti e poi formate dei salsicciotti da cui trarrete la caratteristica forma dei taralli. Portate a bollore l’acqua in un bel pentolone e immergetevi i taralli, appena verranno a galla saranno pronti, lasciateli così raffreddare su un panno di cotone e poi infornateli a 200° per 20 minuti , spegnete il forno ma lasciatelo chiuso finchè non si intiepidisce.
Una volta sfornati i taralli sono pronti per essere ricoperti di naspro.

Naspro
Ingredienti: 300 gr di zucchero-100 gr di acqua-la punta di un cucchiaino di bicarbonato-succo o scorza di limone a piacere per aromatizzare

Mettete acqua,zucchero e bicarbonato in una casseruola.Fate cuocere a fuoco lento mescolando frequentemente, quando arriva al bollore schiumate con un cucchiaio di legno. Provate intanto la consistenza del naspro immergendone una puntina in acqua fredda, quando filerà tra le dita e formerà una pallina gommosa togliete dal fuoco( altrimenti si scurisce e diventa caramello).Con lo sbattitore continuate a lavorarlo, poi mettetelo sui taralli.
N.B.Il naspro così preparato si può conservare in una ciotola, la prossima volta che serve basterà scioglierlo a bagnomaria.

E mo magn’t e nun stubbetejate!

A casa Massaia è nata una pianta speciale…
L’ALBERO DEGLI ORECCHINI
Si, ma come si fa? – Occorrente: Un bel ramo secco-gesso acrilico o stucco-colore acrilico della tinta che più vi piace-pennelli-un vasetto-qualche sasso.

(ph: R.P., St)

Prendete un bel ramo secco, per dare maggiore spessore ai rami passateci su col pennello dello stucco o del gesso acrilico, lasciate asciugare per bene, poi dipingete i rami con l’acrilico o se avete fretta con dello spray. Mettete il ramo in un vasetto e fissatelo con dei sassi in modo che il peso degli orecchini non lo faccia cadere.
Se il ramo è ben secco e spesso potete anche evitare lo stucco (preferibile quello in polvere che diluirete con l’acqua).
Adesso l’alberello è pronto, non vi resta che lasciarlo fiorire di orecchini!

La massaia, nella sua libreria, ha inserito: Luciano De Crescenzo, Frijenno Magnanno, le mille e una ricetta.

Dalla prossima settimana, la Massaia Pazza vi proporrà ricette e decorazioni pasquali…

LINK: La Massaia Pazza. Ovvero, la vita a colpi di matterello, Stato Quotidiano

Annunci

Il lunedì a mezzogiorno. Frasi di verità dalla letteratura mondiale

“Sembra che la guerra ormai si sia coperta il volto con un lenzuolo, nero come le interiora del demonio; si è avvolta nella notte assoluta; e dietro quel velo spaventoso sembra ghignare e sussurrare, parlare sbavando con se stessa; e aspetta, aspetta e con un colpo brusco solleverà il sipario e come un pittore pazzo ripescherà la tavolozza dagli abissi dell’orrore e con la luce del giorno scaglierà nuovamente i suoi colori sui campi di battaglia; e il suo colore preferito sarà di nuovo il rosso… il rosso… il rosso… il rosso; e tutti quelli che hanno creduto peggiore la notte, penseranno invece che il giorno sia terribile” (Heinrich Boll, “Croce senza amore”)

Macondo – 26 marzo 2010

∞ Storia (vera) di feudalesimo, orchi e Moratti ∞
di Piero Ferrante

Il Paese dei Moratti è il Paese in cui la fabbrica gioca il ruolo di un Geppetto spietato, creatore di illusioni e facitore di blasfemi sinonimi di quella grande storia in salita che è da considerarsi l’esistenza umana. Il Paese dei Moratti è popolato di Lucignoli e Mangiafuochi, attraenti imbonitori rivestiti di patine griffate ma contundenti. Il Paese dei Moratti è il locus dei tanti, piccoli, meravigliosi, innocenti Pinocchi costretti a mentire a se stessi nell’estremo tentativo di ripetersi che, da quelle morti, da quei tumori, da quello smog, transiti l’unica possibilità di liberazione, la verà libertà. E loro, lignei fanciulli protesi nello slancio verso la carnificazione; e loro, anime intorbidite e sogni seppelliti da cumuli annuali di scorie e liquami, loro sì, non posso fare altro che credervi. Non hanno soluzione diversa che donare il proprio tronco povero di clorofilla, sradicato di botto all’adolescenza, nelle mani di presidenti eleganti e compiti.

Nel Paese dei Moratti, però, ci sono anche bui anfratti, parti di mondo dimenticate dall’uomo e da Dio, dove il sole non giunge ed il cielo non è che un’immaginazione ardita. Nel Paese dei Moratti ci sono spose bambine piangenti, salici costretti a seccare in tutta fretta da un dolore che azzera la linfa. Sono le lande popolate da lacrime, parenti vicini costretti alla lontananza, morte invece della vita, tombe al posto delle barche, cenere in sostituzione del mare.

E “Nel paese dei Moratti”, autore il giornalista Giorgio Meletti (edizioni Chiarelettere, anno 2010), è una favola ruvida. Spoglia di etica. Inutile, in fondo, cercare la morale dove la morale non c’è. Una fiaba lucida ed impietosa raccontata con gli occhi di un cronista. Tanti pezzi che si completano l’un l’altro come trame composite e complementari. Meletti scrive ed è come se parlasse di null’altro che d’una storia povera, semplice. Quella di un giorno come gli altri, fatica, orari, lavoro, stringenze. Una narrazione triste del secolo che corre verso la desolazione della precarietà. E’ la storia di Daniele Melis, Bruno Muntoni e Gigi Salinas, innanzitutto. 29 anni, 27 anni, 58 anni. Ma è anche la storia di un minuscolo ecosistema chiamato Sarroch, 5 mila anime arroccate nella provincia di Cagliari, e di un ecosistema nell’ecosistema: la Saras, gioiello di famiglia della scuderia industriale dei fratelli Gianmarco e Massimo Moratti.

Il 26 maggio 2009, mentre il primo tratta di un ingente prestito (190 milioni di euro) con la banca Intesa San Paolo, ed il secondo asseconda le lamentele dell’allenatore dell’Inter José Mourinho, i tre operai, uomini cacciavite delle ditte esterne che lavorano in condizioni a dir poco disastrate nella Saras, muoiono in una cisterna della raffineria. A catena di reazione macabra. Prima Gigi, poi Bruno, infine Daniele. Tutti e tre immolati sull’altare dell’insicurezza sul lavoro. Muoiono asfissiati per inalazioni di azoto, una sostanza che è capace di azzerare, praticamente, le condizioni di vita attraverso una radicale riduzione dell’ossigeno. Alla Saras lo usano per pulire alcune cisterne.

Un bocchettone infilato, una carta non firmata, una distrazione. Tre vite stroncate.

Quella della Saras è una storia come poche. Contrariamente ad altri impianti industriali, non conosce mezze misure. Determina i rapporti intimi, permea la familiarità. A Sarroch, i cittadini la amano e la odiano. Rende, insieme, la vita e la morte. E’ capace di dare stabilità ed incertezza. Ma chi la ama sa anche odiarla. E chi la odia sa anche di doverle gratitudine. La Saras è un pezzo di mondo, un appezzamento di terra. E’ ciò che attiva rapporti di atavica dipendenza coloniale, addirittura feudale. Un abitante sardo, parlando con l’autore, sintetizza: “Il mio primo giocattolo mi è stato regalato dalla Saras all’asilo. Il mio primo panettone (mignon Alemagna) mi è stato dato dalla Saras alle elementari. I libri di scuola sino alle medie mi sono stati pagati dalla Saras. I piedi di catrame me li ha sporcati la Saras. Il fumo acre all’odore di cavolfiore arrivava dalla Saras. Il primo suono di sirena alle 8 del mattino l’ho sentito alla Saras”.

Nessuno passa immune dalla Saras. Da quell’inferno che rigurgita malattie, ma sa inondare di soldi i suoi padroni. Loro, in perenne perdenza eppure abili a sfruttare le nefandezze finanziare di un mercato forte con i deboli e debole con i forti. Con i soldi sfilati alle banche, di quegli stessi istituti che non hanno fatto fronte ai debiti dei piccoli imprenditori onde, poi, pronarsi alle magagne azionarie dei fratelli milanesi, i Moratti hanno innalzato i dividendi. Ben consci di essere buona parte dell’azionariato Saras. E, in una sola manovra finanziaria, spalmata nell’arco triennale, sono stati capaci di sottrarre al mercato oltre un miliardo di euro, per convogliarlo nelle proprie tasche, giocandolo nell’azzardo pallonesco tinto di nerazzurro.

Sarroch ed il suo dolore, Sarroch e le sue promesse mai mantenute, Sarroch ed i processi senza colpevoli, Sarroch e la perfidia spiacevole di un liberismo rapace sono la cima di un sistema ampio e consolidato. Un sistema popolato di orchi e uomini neri, di Tronchetti Provera e di Marchionne. Perché nel paese dei Moratti c’è davvero posto per tutti.
Giorgio Meletti, “Nel Paese dei Moratti. Sarroch-Italia, una storia ordinaria di capitalismo coloniale”, Chiarelettere 2010
Giudizio: 4 / 5 – Crudo
_______________________________________________________

∞ Umorismo russo ∞
di Roberta Paraggio

Prendete il mondo surreale dei racconti di Gogol, Kovalev che si sveglia al mattino e si trova la faccia senza il naso. Dov’è? Dove potrebbe essere se non in un caldo panino apena sfornato? Ammirate un dipinto di Marc Chagall, la malinconia sgargiante dei colori fluttuanti, il piacevole ripetersi di atmosfere sospese fra il sogno e la fase rem. Ora, aprite “Disastri” di Daniil Charms, appena riedito dalla Marcos y Marcos, e vi ritroverete tutto quanto elencato. Ed anche di più.

Il linguaggio appena più colorito rispetto alla compostezza gogoliana ed alle pennellate sfumate di Chagall e l’insieme regala al lettore un’incredibile e grottesca carrellata di personaggi. Privi di un filo conduttore che non sia l’assurdità delle situazioni, i protagonisti, talora che anonimi, si muovono nello spazio angusto del non sense e dell’ineluttabilità del gesto inconsulto. S’insultano, si schiaffeggiano, si prendono a morsi le orecchi, si sputano in faccia, sono incapaci a comunicare. Brandiscono cetrioli come armi di difesa. A colpi di assurdo, muoiono per un nonnulla: un marinaio che mangia troppo salato crepa d’insonnia con una scarpa alla mano contro i topi; una vecchia ficcanaso cade sporgendosi da un balcone, altre sei anziane la seguono sino a formare un obelisco geriatrico. E poi sequele di vite strampalate: un uomo riesce a pesare sulla bilancia la sua fede; un altro trascorre un’intera giornata al ristorante nel vano tentativo di farsi ascoltare dal cameriere; un terzo, nascosto sotto il letto, ascolta sua moglie sparlare di lui.

Scorci della vita dei maggiori scrittori russi, Puskin e Tolstoj, presi nei momenti impensati, nei dettagli che sfuggono perchè poco atti alla biografia. Iracondi, scansafatiche, dubbiosi, imorali, strampalati. Un circo russo della scrittura senza rete e senza gabbie. Piccoli episodi di vite qualunque dipinte di umorismo sottile e rcambolesco, a tratti venato di cattiveria, spesso irresistibilmente comico. Né grave, né greve. Un piacevole divertissement.
Daniil Charms, “Disastri”, Marcos y Marcos 2011
Giudizio: 3 / 5 – Spassoso
~~•~~•~~•~~•~~•~~•~~••~~•~~•~~•~~•~~•~~•~~•~~•~

I LIBRI CONSIGLIATI DA STATO QUOTIDIANO
IL SAGGIO: Aldo Eduardo Carra, “Oltre il PIL, un’altra economia. Nuovi indicatori per una società del ben-essere”, Ediesse 2011
IL ROMANZO: Sergio Quadruppani, “La rivoluzione delle api”, Verdenero 2011
IL CLASSICO: Vladimir Majakovskji, Poesie, q.e.

ADDIO PROFESSORE. STATO PER ALBERTO GRANADO
Alberto Granado, “Il gitano sedentario”, Sperling & Kupfer 2005
Alberto Granado, Ernesto Guevara, “Latinoamericana”, Feltrinelli 1998
DVD: Walter Salles, “I diari della motocicletta”

I LIBRI PIU’ VENDUTI DALLA LIBRERIA EQUILIBRI
1. Benedetto XVI, “Gesù di Nazareth”, Libreria Editrice Vaticana 2011
2. Margaret Mazzantini, “Nessuno si salva da solo”, Einaudi 2011
3. Paola Mastrocola, “Togliamo il disturbo”, Guanda 2011

LIBRO IN… EQUILIBRIO
Roberto Saviano, “Vieni via con me”, Feltrinelli 2011
di Libreria Equilibri
Otto capitoli, otto storie, un ritratto unico dell’Italia di oggi firmato Roberto Saviano. Come? Scavando dentro alcune delle ferite vecchie e nuove che affliggono il nostro Paese: il mancato riconoscimento del valore dell’Unità nazionale, il subdolo meccanismo della macchina del fango, l’espansione della criminalità organizzata al Nord, l’infinita emergenza rifiuti a Napoli, le troppe tragedie annunciate. Accanto alla denuncia c’è anche il racconto di vite vissute con onestà e coraggio: la sfida senz’armi di don Giacomo Panizza alla ’ndrangheta calabrese, la lotta di Piergiorgio Welby in nome della vita e del diritto, la difesa della Costituzione di Piero Calamandrei. Esempi su cui possiamo ancora contare per risollevarci e costruire un’Italia diversa. “Vieni via con me” è diventato un libro che rende accessibili al pubblico che non ha seguito la trasmissione, queste storie in forma rivista e arricchita facendole diventare, ancora una volta, storie di tutti.
Saviano, nella presentazione ci pone una sfida: un elenco di cose per cui vale la pena vivere, un elenco leggero che valga più di una guida morale, un antidoto ai problemi universali. Prende spunto da Woody Allen e dalle sue citazioni (Groucho Marx, Joe Di Maggio, il secondo movimento di una sinfonia di Mozart, Louis Armstrong, un’opera di Flaubert, i film svedesi, Marlon Brando, Frank Sinatra, mele e pere di Cezanne e granchi e viso rispettivamente di Sam Wo e Tracy), per scriverne il suo: la mozzarella di bufala aversana, un brano di Bill Evans, andare con la persona che ami a leggere l’epitaffio di Raffaello, un gol di Maradona ai mondiali ’86, l’Iliade, l’ascolto di una canzone di Bob Marley mentre passeggi libero, tuffarsi nel profondo, sognare di tornare a casa dopo un lungo periodo di esilio, fare l’amore in un pomeriggio d’estate al Sud e trovare una email con scritto “Sono fiero di te” dopo una giornata in cui hanno raccolto firme contro di te.
Credo sia un esercizio fondamentale per ricordarsi ciò di cui siamo fatti, ciò che ci spinge ad andare avanti nonostante le difficoltà e essere sempre migliori, è un modo per mettere nero su bianco i nostri pensieri, a denudare la nostra anima. Sarebbe bello passare il tempo a leggerli e ad ascoltare gli altri, a trovare ciò che dà senso alla vita di chi ci sta a cuore riscoprendo tante cose sotto un altro punto di vista, sotto altri aspetti. Sono dell’opinione che quando si parla si potrebbero risparmiare tante parole da usare poi, nei momenti opportuni, ma quando si scrive si ha un compito, un impegno verso la carta che riposa sotto le tue “grinfie” a cui non puoi sottrarti, perciò, buttate giù quello che pensate, senza limitazioni, perché la carta aspetta solo voi per raggiungere la sua completezza.

La Massaia Pazza.Ovvero la vita a colpi di matterello. 25 Marzo 2011



“In realtà nessun essere umano indifferente al cibo è degno di fiducia” (M.V. Montalbàn)

C’è chi mi chiama massaia, c’è chi mi chiama signora. Io preferisco soltanto essere me stessa. Racchiudo i piccoli segreti delle arti del quotidiano, piccole ricette tradizionali, gemme per la Pasqua più colorata o per il Natale più accogliente, per un benvenuto alla primavera e per un riparo caldo contro i geloni invernali. Non sono in un solo posto, sono soltanto nella creatività di ognuno. Sono pazza perché non controllabile. Perché tingo di colore quella parte di vita che sembra sobria e un po’ stantia, ma che con un solo tocco puoi tramutare in arcobaleno. Sono nell’accoglienza calda di un uscio e nel rumore del ferro che batte. Sono nelle stagioni, nelle festa comandate e, ancora di più, in quelle che non lo sono. Sono nei bambini e li prenderò per mano, sono negli adulti. Sono pure gli adulti. Sono una massaia, ma non è detto che sia donna. Forse sono soltanto uno stereotipo, creato per tenere nascosta la sorpresa del mio vulcanico pensare. Benvenuti a tutti nella mia cucina, benvenuti nei miei spazi, benvenuti nel mio mondo. Che, a partire da oggi, è anche il vostro.

________________________________________________

Ricetta della settimana
GLI SCAGLIOZZI FOGGIANI
Ingredienti: •polentaolio di semi per friggeresale

Se vi capitasse di non consumare tutta la polenta preparata potete conservarla in frigo per 2 o 3 giorni e utilizzarla in un secondo momento. In frigo, la polenta, assume una consistenza più compatta e vi permette di tagliarla con più facilità (sarebbe meglio tagliare dei triangolini dello spessore di un centimetro circa). Friggerli in olio di semi, fino a quando non avranno un aspetto dorato. E mo magn’t e nun stubbetejate

E per tenere sempre a mente i nostri consigli, la massaia di Casa Stato, regala a vossignori il segreto per realizzare un COLORATO TACCUINO
Si, ma come si fa? –
Occorrente: cartoncino A4 • tovagliolo/carta da decoupage • colla vinilica mista ad acquanastrinofogli di carta formato A4 • pennello a setole morbide e punta quadrata

Il taccuino è pronto (St)

Prendete il cartoncino A4, rivestitelo con la carta o con il tovagliolo, stendendovi sopra, con l’aiuto di un pennello con le setole morbide, la mistura di acqua e colla vinilica che avete preparato. Lasciate asciugare per circa un paio d’ore (se avete fretta, potete anche utilizzare l’asciugacapelli). Poi, piegate il cartoncino a metà e applicate un buco a 11.5 cm (è la metà del dorso ottenuto dal piegamento) ed altri due buchi ognuno a 4 cm da ciascuna estremità, quindi fate la stessa cosa con blocco dei fogli che intendete inserire all’interno del vostro taccuino (per semplificare il lavoro, sovrapponete tutti i fogli da usare e forateli con un grosso ago da lana). Fate passate il nastro (va bene anche un filo da ricamo, una cordicella, un laccio di scarpe, fili in plastica, trecce di cotone) attraverso questi fori. Fissate il filo con un nodo esterno in modo che la parte restante del filo serva per chiudere il taccuino.

Se il tovagliolo ha fatto troppe grinze, non vi allarmate. Potete perfezionare il lavoro passandovi sulla superficie BEN ASCIUTTA un ferro da stiro non troppo caldo e senza vapore.

Non vi resta che prendere appunti. Buon lavoro!

La massaia, nella sua libreria, ha inserito: Roberto Barbolini, RICETTE DI FAMIGLIA, Garzanti 2011

Macondo 20 marzo 2011

∞ Produzione di futuro ∞
di Piero Ferrante

Che ci sia un’Italia migliore, probabilmente, non lo sa soltanto Nichi Vendola. Il mondo dei giovani impegnati, dei padri che sfangano la giornata riproducendo sorrisi grossi quante le bollette ed i mutui, delle donne che lottano per non soccombere sotto il peso dell’indifferenza o, peggio, della gravosità sessista. Che ci sia un’Italia migliore lo dice l’impegno delle Fabbriche di Pomigliano e di Mirafiori, di quei nuovi sfruttati in tuta blu che oppongono i loro dieci, cento, mille niet all’imposizione dall’altro di un sistema economico strutturato giust’apposta per incatenarli a vita, forse a morte, su un posto di lavoro ingrato ed infame, di quelli che l’esistenza e che drenano le energie. Che ci sia un’Italia migliore, poi, ce lo dice anche la Fandango (appunto, “C’è un’Italia migliore. Dieci passi per avvicinarci all’Italia che vorremmo”, Nichi Vendola e La Fabbrica di Nichi, 2011) e ce lo dicono i nuovi costruttori della democrazia. Quelli che, indipendentemente dai simboli di partito, non hanno scelto l’immobilismo culturale e politico. Quelli che hanno smosso mari, monti e qualche pianura per sbarcare in Puglia gli studenti fuori sede e negare al potere di difendere se stesso attraverso la partecipazione corale.

Sono loro, insieme con Nikita il rosso, gli autori del libro. Sono le loro esigenze ad incarnare, in perfetto stile vendolese ed in perfetto linguaggio vendolese, ed in perfetto accordo ideale con il leader di Terlizzi, figura oramai cardine del centrosinistra dell’oggi e del domani, le soluzioni. Da qui passano le strategie. Tanto che il decalogo contenuto nel libro altro non è che una lunga discussione, ma anche un documento politico, un programma di partito, una collezione di propositi. Sfide e necessità, dall’urgenza del recupero della città, alle ricette per l’economia, dalla pazza scommessa (vinta) delle rinnovabili, all’esigenza della cultura. Con la scuola sullo sfondo e l’aura di don Tonino Bello fluttuante e veleggiante ed una eccessivamente misticata immagine della Puglia, Nichi ed i Nichini cantano alla luna l’ode della speranza. Talora, forse, con eccessivo compiacimento, talaltre calcando con eccessiva pressione la penna della speranza sul foglio del presente.

E poi predizione profetiche. Quasi come in uno dei tanti editoriali su Fukushima, i fabbricanti picconano impietosamente le strategie nucleari della cricca atomista. Un’avventura di cui “l’Italia non ha bisogno”, perché “antieconomica”. E, soprattutto, per quel cartello non in vendita che recita: “Cernobyl non è più qui”. L’ha spinta lontano la voglia di partecipazione alle sorti di territorio, il desiderio di abitare città che siano “la scena dell’agire insieme, non più dell’ideologia della salvezza individuale”, dove ognuno viene prima di tutti. Forse, e forse soprattutto, l’ha spinta alla deriva la sequela deprimente di fallimenti dell’atomo, dal caso ucraino a quello giapponese. Con il precedente di Three Miles Island, Usa.

Piuttosto, il libro regala un omaggio alla strategia delle rinnovabili (anche se con il limite di non mettere mano ad un piano organico, ma in linea tutto sommato teorica), come forma nuova di rispetto dell’ambiente. Come, in più, alternativa ad un sistema distruttivo e logorante, che utilizza tutto lo specchio delle risorse della terra per farle propedeutiche alla produzione, al soddisfacimento delle impellenze economiche prima ancora che umane. Come resistenza al capitalismo predatorio, antidoto all’“istinto maldestramente mercantile” che accompagna le scelte dei governanti a tutto scapito della creatività.

Un viaggio nei meandri dei principi che hanno fatto il vendolismo e che lo perpetuano. Nel tornio di quei grossi capannoni valoriali che sono le Fabbriche che portano il nome del governatore.
Nichi Vendola e La Fabbrica di Nichi, “C’è un’Italia migliore”, Fandango 2011
Giudizio: 3 / 5 – Eccessivo

_______________________________________________________

∞ Partitura per i ricordi ∞
di Roberta Paraggio

Ci sono parole chiave per ogni storia che si sceglie di raccontare. Quelle di questo romanzo di Jaume Cabrè, “L’ombra dell’eunuco“, edito da LaNuovafrontiera sono dissolvenza e tempo, ricordi e musica, c’è un film ed un concerto, immagini e melodie che scorrono nitide nel loro dolore, potenti e assordanti nella ambivalente volontà di rimozione e di ritorno.

Dissolvenze temporali incrociano immagini d’epoca, il quel che eravamo con ciò che si diventa, il bianco e nero sgranato della lotta armata al franchismo, la morte senile del caudillo demente, le tinte fosche di una Barcellona su cui aleggia la paura, strade percorse ad occhi bassi. Poi, stop.

Fermo immagine, colori sciatti di un ristorante finto chic, cattivo gusto imperante e un uomo seduto al tavolo che si racconta ad un’interlocutrice evanescente, la parola e il ricordo sono ciò che è rimasto a Miquel Gensana, uomo a metà che non è riuscito a cogliere i momenti salienti della vita, che è stato figlio, amico, marito, militante, tutto da spettatore, quasi a voler prendere le distanze dalle cose nel momento stessi in cui accadevano, senza calcolarne le conseguenze.

C’è una musica in sottofondo, c’è una partitura per un concerto rimasto a metà, l’opera incompiuta rimasta lì a impolverarsi nei giorni in cui Miquel era troppo impegnato ad essere il compagno Simò, c’è del sangue che ha macchiato lo spartito indelebilmente.

Che n’è stato della lotta Simò? Adesso che prova a ricomporre la sinfonia incompleta cercando nell’arte una dimensione salvifica Miquel/Simò non sa darsi una risposta, adesso che non c’è più neanche Bolòs/Franklin, l’amico di sempre,Teresa è morta senza che le dicesse di amarla, la compagna Pepa è scomparsa, Mingo è stato vendicato, adesso che la lotta è finita e la vita non chiede più pistole nella valigia.

C’è un pentagramma di inchiostro sbiadito, ci sono righi e spazi, i righi li ha impressi zio Maurici con la sua vocazione storica, ma il vento della sua simulata follia ha mischiato le note per far venir fuori un concerto di vendetta per un amore proibito.

Gli spazi li incide Miquel con la narrazione e col ricordo, con i segreti affidati a Julia, non più fardello con cui andare avanti da solo, come già in zio Maurici persiste in lui il desiderio di durare, la agognata possibilità di essere compresi o forse solo il desiderio di sentirsi meno disillusi, consapevoli di non essere né eroi né antieroi né artisti, ma solo compositori solitari di un concerto per sé stessi.
Jaume Cabrè, “L’ombra dell’eunuco”, LaNuovafrontiera 2011
Giudizio: 3,5 / 5 – Musicale
~~•~~•~~•~~•~~•~~•~~••~~•~~•~~•~~•~~•~~•~~•~~•~

I LIBRI CONSIGLIATI DA STATO QUOTIDIANO
IL SAGGIO: Stefano Bartolini, “Manifesto per la felicità. Come passare dalla società del ben-avere a quella del ben-essere”, Donzelli 2010
IL ROMANZO: Marco Scarabelli, “C’è di mezzo il mare. Viaggio in bicicletta intorno al Mediterraneo”, Ediciclo 2010
IL CLASSICO: Don Lorenzo Milani, “Esperienze pastorali”, q.e.

NO NUKE
Giulietto Chiesa-Guido Cosenza, “La menzogna nucleare. Perché tornare all’energia atomica sarebbe gravemente rischioso e completamente inutile”, Ponte alle Grazie 2010
Roberto Rossi, “Bidone nucleare”, Bur 2011
Rokuro Haku, “No alla guerra, no al nucleare. Le armi all’uranio impoverito che distruggono l’uomo e l’ambiente”, Altrinformazione 2011

I LIBRI PIU’ VENDUTI DALLA LIBRERIA EQUILIBRI
Livio Fanzaga, “La fede insegnata ai figli”, Sugarco 2011
Paola Mastrocola, “Togliamo il disturbo”, Guanda 2011
Roberto Saviano, “Vieni via con me”, Feltrinelli 2011

∞Andare lenti è rispettare il tempo, abitarlo con poche cose di grande valore, con noia e nostalgia, con desideri immensi sigillati nel cuore e pronti ad esplodere oppure puntati sul cielo perché stretti da mille interdetti.∞

 

Il lunedì, a mezzogiorno. Frasi di verità della letteratura mondiale

Chiamare parco un progetto di campo eolico è come battezzare una guerra operazione di polizia internazionale. Molti crimini contro l’umanità sono anche crimini contro il vocabolario” (Wu Ming II, “Il sentiero degli Dei”)

Macondo – 12 marzo 2011 (scusate l’assenza)

∞ Pane, fragranza del mondo ∞
di Piero Ferrante

Un titolo che è come una preghiera. A recitarla, Predrag Matvejević. “Pane nostro” che sei nei libri, vien subito da continuare. Merito alla Garzanti, per aver captato, ancora una volta, la grandezza dello scrittore bosniaco dopo il salato “Breviario Mediterraneo”. Sotto la lente analitica di Matvejević, qui, è il pane. Come lì lo era stato il mare. Pure, un filo non interrotto: pane e mare finiscono per essere complementari, per scambiarsi gli odori; vicendevolmente si regalano l’uno all’altro, si influenzano, si accoppiano in un grumo storico indissolubile. Ma anche pane e strade, pane e deserto, pane e monti. In quanto, il vero contrattare antropologico è quello fra pane e mondo. Perché facendosi cibo nelle case, nei forni, nei fuochi, nel forni, nelle strade, sulle pietre, il pane introietta i gusti che sono gusti collettivi. La mollica s’impossessa delle nenie arabeggianti del Medio Oriente, si impregna della sacralità dei conventi umbri, ellenici, cirenaici, si impana nella sabbia africana.

Seguendo le rotte del pane, seguendo la sua storia, Matvejević, in “Pane Nostro”, narra leggende umane e divine, miti e civiltà. Il pane, in tutte le sue forme, diventa un eroe pulsante, coraggioso, errante. Come Ulisse, viaggia di sponda in sponda, senza sosta. Perigliosi viaggi e soste in Terre lontane gli danno nuovi sapori e nuovi odori. E di fronte a questo mitico zingaro, l’autore si spoglia di ogni superbia e si fa umile. La sua preghiera rimbomba fra le pareti del tempo e dello spazio, rimbalza fra lirismo ed enciclopedismo. Come un Dio, come Dio, come ogni Dio, anche il pane si fa trascendente ed al tempo stesso carnale, vero, vivo. E come un Dio, il pane ha la sua storia che si perde nella coltre del tempo, nelle spire fumose del dubbio, dell’incerto, quasi fosse proibito saperne troppo. Come un Dio ha i suoi accoliti, i suoi seguaci, i suoi discepoli, i suoi credenti. L’uomo che lo crea e lo plasma dalla terra nera al seme, dal seme alla spiga, dalla spiga al frutto, dal frutto alla farina, dal farina al forno, in fondo non è altro che un ossequioso credente. Un concentrato di speranza legato indissolubilmente all’atmosfera ed alle bizze della meteorologia, costretto dal governo degli elementi naturali ad ottenere il massimo prodotto dalla fatica del lavoro nei campi. E come un Dio, il pane ha anche i suoi tempi. La panetteria è cattedrale laica. E, come quella sacra, punto di raccordo di voci ed incontro di viandanti e cittadini, di viandanti e pellegrini, di straccioni e notabili. Che, prima di assaporane il gusto, ne possono già godere l’odore.

Leggere “Pane nostro” è fare un continuo sforzo masticante. Esplode nelle narici un tripudio profumoso, sotto i denti la sensazione autentica di essere in preda ad un’estasi sensoriale che rasenta la lussuria. E, nella tensione al pane, in questo continuo desiderio di averlo e di addentarlo, si torna bambini. Finanche, ci si fa altri bambini, corpicini di altre epoche e di altri luoghi. E di queste esperienze, il pane è consustanziazione, minimo comun denominatore dei ricordi, pratico facimento. Così, suscitandoci con il pungolo lettarario, Matvejević ci racconta il “dramma” del pane, copione di fatiche e di dolore. Che, nonostante questo, lenisce ciò che tocca. Che sia nero o fragrante, che sia rancido o fresco, è toccasana per le pance.

E la storia che ci racconta, del pane, del frumento, della farina, è storia plasmata di leggenda, narrazione, viaggio, vita, pace e guerra, scontri e incontri; è storia impressa nella fede e nella fame; è storia divina, beata, santa, magistrale, simbolica, numerica, esemplare; storia fisica, tattile, di lavoro, sudore, genti, strumenti, stagioni, sfruttamento; è la storia che si affigge alle porte del tempo, si immerge nelle epoche , si incammina per le vie di Damasco e della Giordania, nei monasteri copti di Grecia ed Egitto, si in scrive alla Bibbia ed al Corano come al Talmud; storia declinata al maschile ed al femminile, interdetta ai meschini, schiusa invece alla schiera degli ultimi; storia identitaria ed insieme egualitaria. Insomma, una storia infinita, narrata con tutta la pazienza di cui solo Predrag Matvejević è capace.

Predrag Matvejević, “Pane nostro”, Garzanti 2010
Giudizio: 4 / 5 – Gustarlo con cura
_______________________________________________________

∞ Con gli occhi di Caterina ∞
di Roberta Paraggio

Caterina ha gli occhi belli, sono quelli dei Giovagnoli, una famiglia che da anni vive in un borgo della Maremma toscana dove si incrociano eventi e aneddoti della vita di campagna. Tracce di Storia che fanno da sfondo a quest’ultimo romanzo di Alessia Niccolucci e che chiude la serie di ritratti di donne che parlano con gli alberi.

Quello di Caterina, di ritratto, è una quercia che un fulmine lontano ha ridotto ad un tizzone, che la lega alla sua casa e alla sua gente, a figure maschili materne e dolci, suo padre, suo nonno, suo zio, solitario e schivo, che soccorrono alla sua mancanza d’affetto, sostituendo l’assenza di Irene, sua madre, una donna aspra e anticonformista, lavoratrice che segue il marito nei campi, ostinata contro la maledizione di esser nata donna. Come il fulmine che si è abbattuto sulla quercia, così Irene si scaglia sulla figlia, col livore della sua presenza/assenza con la sua forza matrigna e generatrice di ogni angoscia, provocando inquietudini e ribellione, lacrime soffocate e piante di nascosto.

Ma Caterina non vuole diventare come sua madre; sogna l’amore e al tempo stesso lo rifiuta; tanto che, quando questo arriverà, il mondo che le gira intorno la stringerà nelle convenzioni sociali, nei ruoli rigidi e imposti dalla società rurale in cui un nobile signorotto non sposerà mai una ragazza sia pure rispettabile ma sempre e comunque di umili origini contadine.

E così Caterina sposerà un uomo che non ama, rimarrà presto vedova e diverrà più amara di sua madre, accompagnata dalle coltri luttuose dei suoi abiti e da una bellezza che è solo un ricordo, a macerarsi nel rancore per ciò che non è stato. Un romanzo sottile ed insieme complesso, che si serve di schemi abbondantemente sfruttati dalla letteratura (se vogliamo, un pò Ermanno Olmi, un pò Pupi Avati), personaggi sbiaditi, vagamente Ottocenteschi, maschere di un modo che fu e di una scrittura andata. A tratti sbadiglievole, a tratti piacevole, certaltre volte stimolante, infine non propositivo. Più applicazione, insomma.

Alessia Niccolucci, “Caterina. Donne che parlavano con gli alberi”, Pendragon 2011
Giudizio: 2,5 / 5 – Feuilleton anacronistico
~~•~~•~~•~~•~~•~~•~~••~~•~~•~~•~~•~~•~~•~~•~~•~

I LIBRI CONSIGLIATI DA STATO QUOTIDIANO
IL SAGGIO: Serge Latouche, “Breve trattato sulla decrescita serena”, Bollati Boringhieri 2008
IL ROMANZO: Bruno Osimo, “Dizionario affettivo della lingua ebraica”, Marcos y Marcos 2011
IL CLASSICO Emile Zola, “Germinal”, q.e.

C’E’ CHI DICE NO: L’ ACQUA BENE COMUNE
Luca Martinelli, “Imbrocchiamola! Dalle minerali al rubinetto. Piccola guida al consumo critico dell’acqua”, Altreconomia 2010.
Danilo Dolci, “Il potere e l’acqua. Scritti inediti”, Melampo 2010
AA.VV., “Acqua controcorrente. Il viaggio di Ingegneria Senza Frontiere”, T.S.A. 2008

I LIBRI PIU’ VENDUTI DALLA LIBRERIA EQUILIBRI
Livio Fanzaga, “La fede insegnata ai figli”, Sugarco 2011
Paola Mastrocola, “Togliamo il disturbo”, Guanda 2011
Roberto Saviano, “Vieni via con me”, Feltrinelli 2011

LIBRO… IN EQUILIBRIO
Sant’Agostino, De Beata vita
Donna bella et altera, vestita nobilmente di rosso, coronata d’oro,
di gemme in gran copia, nella destra mano tiene un pavone et nel-
la sinistra un specchio, nel quale miri et contempli sé stessa.
(Cesare Ripa)

Brutta compagna la superbia. Tutti amiamo la bella donna vestita di rosso, desideriamo specchiarci nei riflessi delle sue lodi, cogliamo dalla sua corona d’oro tempestata di gemme preziosissime un po’ di autocompiacimento.
L’inizio della Quaresima è il periodo migliore per fuggire dalle lusinghe della vanagloria e rivestirci di abiti umili. Dobbiamo fuggire ogni forma di autocompiacimento, rompere lo specchio che incornicia il nostro io e deporre la corona che ci rende alteri e presuntuosi. E’ il periodo che ci fa rendere conto di quanta poca cosa siamo di fronte alle meraviglie della natura: la maestosità di un cielo stellato, la semplicità di una piccola margherita in fiore, il calore visivo che ti dà un tramonto, l’ondeggiare di un campo di grano…

La superbia affonda le sue radici nel profondo di ogni uomo perché ognuno è teso all’affermazione della propria identità che non si elabora all’interno, ma si negozia nel rapporto con gli altri, dai quali si attende riconoscimento al punto tale che il suo bisogno sia tanto forte quanto gli altri bisogni esistenziali. Anche S. Agostino in “La vita felice” mette in guardia tutti coloro che aspirano alla vita beata perché ostacolati, prima o poi, da un altissimo monte, quello della vanagloria, posto proprio lì, per rendere arduo il passaggio. Questo monte, proprio come la donna vestita di rosso, è da evitare con gran cura e da temere, ma è così splendente e intriso di luce da presentarsi come luogo di dimora sicura per quelli che si avvicinano, promettendo loro, in maniera allettante, di raggiungere ciò che più desiderano, salendoci. Coloro i quali non lo evitano e raggiungono la vetta, vogliono dimostrare agli altri che sono capaci di ottenere ciò che si sono prefissati, sono altezzosi, con eccessiva fiducia in sé e nelle loro forze e, purtroppo, il monte, “vuoto e instabile”, crolla al suolo e li ingloba nelle tenebre, sottraendoli alle certezze a cui miravano da giù, scoprendosi, poi, deboli, limitati ed impotenti.

Si dice che la superbia sia la radice di tutti i vizi, ma Agostino racconta come anch’egli, inizialmente, abbia ceduto alle sue lusinghe, abbia lasciato che la “caligine” obnubilasse il passaggio negandogli di vedere chiaramente la realtà, deformandola. Anche il Sommo Poeta, non posiziona questo tipo di persone all’Inferno e domanda loro come mai abbiano dimenticato di essere creature imperfette e appena abbozzate. Siamo come bruchi che non riusciamo a giungere alla loro compiutezza e quindi diventare farfalle convinti di procedere, senza accorgerci di regredire e restare vermi.

[A cura di Piero Ferrante e Roberta Paraggio. In collaborazione con la Libreria Equilibri di Manfredonia]

∞ Soltanto l’ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità ∞

Palloni di carta – 2 marzo 2011


“Prendi uno sport, togli tutta l’ipocrisia e otterrai qualcosa di simile al rugby”. È sin troppo gaudente, con i tempi che corrono e che, impietosamente, marcano le distanze fra un popolo in boccheggiamento economico ed eroi sportivi strampompati (economicamente e fisicamente parlando, s’intende), leggere una testimonianza di autenticità come quella racchiusa in “Andare avanti guardando indietro”. Il libello pretende molto da se stesso. Lo pretende la Ponte alle Grazie. Lo pretendono le sei mani e tre cervelli che ci hanno lavorato: Mauro e Mirco Bergamasco (i fratellissimi icone del rugby tricolore) con Matteo Rampin. Rampin che gli stessi Bergamaschi sbeffeggiano con l’appellativo di “strizzacervelli”. In effetti, medico psicologo ed assistente personale di molti atleti professionisti. Una pretesa soddisfatta. “Andare avanti guardando indietro” pretende per fissare una meta, per puntare un paletto, per gettare l’obiettivo. Sarà per questo motivo che non racchiude inutilità ovvie e facciate inutili. Sarà per questo che ostracizza da sé, mediante atto di ripulsa, una vanità vacua, non pratica.

Si diceva, è oltremodo consolante leggere e sentir raccontare di un mondo che, spesso, la poca poeticità televisiva ha sconvolto, seppellito sotto cumuli di macerie spettacolaristiche. È rassicurante tornare a scorrere l’intera gamma di dolore, sangue, agonismo, rivalità che s’arresta dirimpetto al rispetto. E quelle immagini cautamente ricomposte di avversari che non sono nemici, di maglie scambiate in campo e sugli spalti, di terzi tempi venerati come l’essenza stessa della contesa, di muscoli tesi e spalle lussate, corse liberatore e storie di squadra. Una birra, un posto a tavola, fiumi di offese scherzose e bonarie. Mostrare l’altra faccia di sé all’altro. Per denudarsi, uomo di fronte a uomo, in una contesa che è con-tatto. Che si manifesta attraverso un’insistenza violazione degli spazi altri, lo sfregamento di arti contro arti, membra contro membra, spalle contro menti, polsi contro nasi, orecchie contro capelli, sangue contro sangue. Un amalgama indistinto che mette tiene insieme tutto. Che forgia un essere che ha tutti gli odori di fatica e tutte le ferite dello scontro fisico. Ma anche tutta la delicatezza di un gesto vagamente paterno, come quel pallone stretto nel concavo che si crea fra braccio e petto.

Mirco e Mauro, con Matteo, fanno delle regole del rugby, degli elementi che ne contraddistinguono la vita, una filosofia. E, di conseguenza, del testo un piccolo manuale. Un libro che, volontariamente, assume i connotati di un cammino di crescita. E il cammino, come ogni iter di maturazione, sottende sforzi umani e sovrumani, il desiderio e la capacità di voler andare oltre se stessi, scherzare con i propri limiti, irretire i dubbi, vincere le paure sapendo che gli uni e le altre sono comunque confinate in un punto periferico dei pensieri, in un angolo ristretto dell’emozione. E lì restano, zittiti dalla cascata di adrenalina sprigionata dal verde del campo dal bianco delle linee, dalla cromia della propria maglia, dal numero sulle spalle. Numero che è appartenenza, esemplificazione di una missione, concretizzazione di un obbligo. Verso la propria persona e verso tutto il gruppo. La dedizione alla squadra è elemento totalizzante, esteriorizzata in quella piccola grande apparentemente inspiegabile regola dell’avanzare passando palla a chi sta dietro. Da cui, appunto, la titolazione del libro. Nei fatti, si tratta dello schieramento del rugby a tutto titolo fra le discipline sportive di squadra. Una regola che è forma mentis e che “ci ricorda che quando si è forti si è potenzialmente deboli”. In quanto è esattamente nell’istante preciso in cui si è soli contro l’avversario, tensioni contro, corpi nella protesa dello scontro, dolori potenziali che si fanno prossimi, rivi alla fase della convergenza, ebbene è proprio in quell’attimo “in cui abbiamo la situazione in mano” che ci rende conto che “per portare a termine il compito può essere etile effettuare un dietro front, una battuta d’arresto, effettuale una diversione dalla traiettoria, mettere in salvo quanto è già stato conquistato”. È la certezza che s’impone, il riconoscimento della forza propulsiva del collettivo, il trionfo opportuno ed anche opportunistico dell’umiltà quale “virtù strategica”.

Eccola schiudersi la potenza racchiusa in questo testo. Una potenza che è più di mente che di muscolo, che sa supplire al rigonfiamento del bicipite con l’immediatezza della sinapsi. Equilibrio, controllo, dosaggio. Una linea sottile, un varco delicato, uno sforzo stentoreo. Tendere alla disciplina significa non soltanto accettare le regole, significa interiorizzarle, trasformarle in proprio bagaglio, in idem sentire. In questo sforzo, i due omaccioni li immagini mutati in clowneschi funamboli del’ovale, sospesi su una corda a destreggiarsi per non cadere. Da lissù ululano sicuri che “non c’è forza più grande di quella di chi riesce ad esprimere in modo misurato e gentile il proprio potere, limitandone l’uso allo stretto indispensabile, senza mai oltrepassare il segno”. Segno che è la tacca tracciata in terra dalla decenza sportiva, che è decenza umana. Perché “chi è forte non ha bisogno di ostentarlo”. Perché “essere forte con i deboli e debole con i forti è un’abitudine che spesso deriva dalla cattiva coscienza riguardo la propria (presunta) potenza fisica”.

Ed allora viene sul serio da domandarsi con tanto di arrovellamento encefalico se si tratti sul serio di filosofia. Se sia finalmente giunta l’ora di resettare le banche dati delle nostre storiche convinzioni collettive per abbracciare, in una mischia etica, una nuova regola che suona sinceramente democratica. Intimamente democratica. Sentitamente democratica. Eppure non è filosofia. “È solo rugby”.

Mauro e Mirco Bergamasco (con Matteo Rampin), “Andare avanti guardando indietro”, Ponte alle Grazie 2011

Giudizio: 4 / 5

Macondo – La città dei libri

Che giorno è?

marzo: 2011
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031  

Palloni di carta